+39 391 35 79 117

info@antonioiodice.it

Mastoplastica Additiva

INTERVENTO IN SINTESI

ANESTESIA: locale + sedazione / generale
DURATA INTERVENTO: 1 – 2 ore
DEGENZA: 0 - 1 giorno
RITORNO AL SOCIALE: 1 - 2 settimane

Mastoplastica additiva Cos’è e cosa sapere

La mastoplastica additiva è l’intervento di chirurgia estetica più richiesto. Nota anche come chirurgia di aumento del volume del seno, la mastoplastica additiva consiste in un aumento del volume del seno tramite il posizionamento di protesi mammarie al silicone. Con questo intervento si possono modificare facilmente la forma e il volume del seno, migliorando l’armonia di tutto il corpo. La mastoplastica è indicata per le donne che desiderano aumentare il volume del proprio seno per renderlo più proporzionato al corpo, per correggere un’asimmetria mammaria, per ridare forma e volume ad un seno che si sia svuotato e che abbia perso consistenza con gravidanza e allattamento o dopo forti dimagrimenti.  Nei casi in cui le mammelle siano molto pendule, può essere necessario un intervento di mastopessi, in aggiunta o in sostituzione alla mastoplastica additiva. Grazie all’intervento di mastoplastica additiva può essere risolta una problematica che per molte donne rappresenta non solo un disturbo estetico, ma una vera e propria lesione della femminilità personale, con ripercussioni psicologiche che coinvolgono anche la vita di relazione. L’intervento di mastoplastica additiva è consigliato a tutte quelle donne che:

  • Desiderano dare maggiore forma e volume ad un seno svuotato durante la gravidanza e l’allattamento;
  • Vogliono correggere l’asimmetria mammaria, migliorando le differenze di volume presenti tra le due mammelle;
  • Desiderano un seno più proporzionato al proprio corpo.In ogni caso, attraverso l’incisione cutanea, verrà allestita una tasca per alloggiare la protesi, che potrà essere di forma rotonda o anatomica secondo le dimensioni concordate, centrata sotto il capezzolo. La chiusura viene effettuata con particolari accorgimenti per rendere meno visibili le cicatrici.Nei casi in cui le mammelle, oltre che di volume ridotto, siano eccessivamente rilassate (ptosi mammaria) all’impianto delle protesi può essere associate l’intervento di mastopessi.
    Possono essere inoltre posizionati dei drenaggi aspirativi. Alla fine dell’intervento sarà eseguita una medicazione elasto-compressiva. 

LA SCHEDA TECNICA DELL'INTERVENTO

L’intervento di mastoplastica additiva può essere eseguito sia in anestesia generale. Per eseguire la mastoplastica è necessario un ricovero di una giornata in day-surgery o con degenza notturna. La durata dell’intervento può variare da una a due ore a seconda che si tratti di un semplice aumento di volume o se, all’inserimento della protesi, si associa un rimodellamento mammario. In base alle preferenze della paziente, ma soprattutto alle caratteristiche del seno, possono variare le indicazioni chirurgiche e quindi:

  • la sede in cui la cute viene incisa (accesso cutaneo) per l’inserimento della protesi: solco sottomammario, al di sotto dell’areola (emiperiareolare inferiore), o a livello dell’ascella.
  • la sede di impianto della protesi stessa (sottoghiandolare o sottomuscolare);
  • il tipo, la forma ed il volume della protesi.

La scelta della protesi al seno rappresenta uno dei momenti fondamentali nella pianificazione di una mastoplastica additiva. Si possono utilizzare differenti tipi di protesi, ed è pertanto fondamentale che il chirurgo sappia proporre e utilizzare quella migliore per ciascun caso. La scelta della protesi è realizzata in base alla conformazione fisica e ai tessuti della paziente, così da ottenere come risultato finale un seno che sia più naturale possibile. In poche parole non esiste una protesi valida per tutte le pazienti, ma ogni trattamento deve essere personalizzato.

Le protesi presenti sul mercato oggi si differenziano per la forma, per la superficie ma soprattutto per il materiale in esse contenuto.

Riguardo la forma, le protesi al seno possono avere forma rotonda o profilo anatomico, cioè avere una forma a goccia.

Riguardo il materiale utilizzato, indipendentemente dalle dimensioni e dalla forma, le protesi mammarie sono formate da un involucro di silicone che contiene un gel di silicone coesivo o soluzione fisiologica. Le protesi per il seno contenenti gel di silicone sono le protesi mammarie migliori e, fino ad oggi, maggiormente usate e di cui, grazie ad un’esperienza trentennale, sono meglio conosciuti i risultati clinici a distanza, con riferimento sia ai risultati estetici, sia alle possibili complicanze o effetti indesiderati.

I costi dell’intervento e di altri eventuali trattamenti sono variabili in base ai casi specifici e potranno essere valutati in presenza della paziente solo dopo la prima visita. Così come per gli altri interventi, suggeriamo di fissare un appuntamento con il dott. Antonio Iodice per conoscere meglio tutte le caratteristiche dell’intervento. Lo studio è situato a Caserta ed è facilmente raggiungibile da Napoli e provincia, zona di Latina, Formia e basso Lazio.

Nel periodo post-operatorio, è assolutamente normale che si avvertano alcuni fastidi, come un intorpidimento o dolore all’area del seno, o un gonfiore e un senso generale di stanchezza.

Nella zona pettorale, potrà essere avvertito un certo dolore, più accentuato nel caso in cui le protesi siano state posizionate sotto il muscolo grande pettorale; questo dolore al seno può tuttavia essere facilmente controllato con comuni analgesici.

In caso siano stati posizionati, i drenaggi aspirativi vengono solitamente rimossi dopo 12-48 ore. I punti cutanei sulla zona del seno verranno rimossi 7-14 giorni dopo l’intervento. Può essere prescritto, se ritenuto opportuno e per alcune settimane, l’uso di una fascia elastica contenitiva, allo scopo di mantenere posizionate le protesi nella sede opportuna.

Alcuni consigli riguardano il comportamento da avere a casa dopo la mastoplastica additiva. In particolare si suggerisce di:

  • stare a riposo per i primi 3-4 giorni post-operatori, con particolare attenzione a non utilizzare i muscoli pettorali (ad esempio, non forzare sulle braccia per alzarsi dal letto, non sollevare i pesi). Molte pazienti si chiedono come dormire dopo la mastoplastica additiva: il consiglio migliore, a letto, dopo aver eseguito l’intervento, è di riposare con il busto rialzato;
  • se si hanno figli piccoli, meglio farsi aiutare nelle prime due settimane per evitare sforzi;
  • evitare il fumo;
  • evitare la guida di veicoli per due settimane;
  • praticare la prima doccia di pulizia completa dopo 7 giorni;
  • evitare per circa un mese ogni tipo di attività sportiva e l’esposizione diretta al sole o ad eccessive fonti di calore (ad esempio sauna, lettino abbronzante, ecc.).

Può succedere che poco dopo l’intervento di mastoplastica additiva, il seno sia gonfio e abbastanza rigido. Tuttavia, se si osservano le prescrizioni del chirurgo e si eseguono regolari massaggi, il seno risulterà morbido e naturale dopo poco tempo.

GALLERIA FOTOGRAFICA

LE RECENSIONI DEI PAZIENTI

"Un dottore di eccellenza in tutto,umanità e professionalità al 100%, un numero uno della chirurgia estetica."

AntonioGrazia Narciso
paziente

"E che dire: è il migliore di tutti. Sono stata già operata da lui, con oggi e la terza volta. È il numero uno, complimenti per la sua professionalità."

Genoveffa Negro
paziente

Per maggiori informazioni su interventi e trattamenti
siamo a tua disposizione

Sei interessato ad una visita?

Richiedi un appuntamento.

acconsento al trattamento dei dati personali