Tel: 339 333 6092

News

Approfondimenti e consigli sulla chirurgia plastica ed estetica

Rinoplastica, consigli utili!

Rinoplastica E Rinosettoplastica

La rinoplastica è un intervento chirurgico che, mediante il rimodellamento dello scheletro cartilagineo ed osseo del naso, ne consente la correzione del profilo e della morfologia. E’ indicata per finalità estetiche e funzionali, nella correzione di deformità congenite ed acquisite (es. esiti di trauma) della piramide nasale. Essa permette di adattare armonicamente il naso del paziente alle caratteristiche del proprio viso, migliorando quindi l’aspetto estetico ma anche, talvolta, autostima e sicurezza in se stessi. Il grado di miglioramento varia da individuo ad individuo ed è influenzato dalla qualità della cute e dalle caratteristiche dello scheletro sottostante.


ANESTESIA: generale DURATA INTEREVENTO: 1 – 2 ore
DEGENZA: 1 giorno / day surgery RITORNO AL SOCIALE: 1 – 2 settimane


L'INTERVENTO

L’intervento rinoplastica e rinosettoplastica è generalmente eseguito in anestesia generale, in regime di day-surgery di ricovero ordinario con degenza notturna. Esso ha una durata variabile dalle 1 alle 3 ore, secondo la tecnica utilizzata e le alterazioni da correggere. Esistono diverse tecniche per eseguire una rinoplastica. La tecnica impiegata dovrà essere individualizzata in base alle caratteristiche del paziente , alle sue attese e all’eventuale risultato richiesto. Si riconoscono due principali modi di esecuzione della rinoplastica: la tecnica “chiusa” ove le incisioni sono praticate solo all’interno delle narici e la tecnica “aperta” in cui si aggiunge una incisione cutanea sulla columella (struttura che divide le due narici). Una volta incisa la cute si accede allo scheletro osteo-cartilagineo del naso che sarà adeguatamente scolpito e modificato. Qualora necessario si modifica anche il setto nasale (settoplastica). Dopo l’intervento si procede alla medicazione del naso mediante dei cerotti ed un protettore di gesso o in materiale plastico, rimovibile dopo una settimana. All’interno delle narici verranno inseriti dei tamponi che potranno essere rimossi dopo 1-2 giorni o, in caso di intervento sul setto nasale, dopo 2-5 giorni.

PREPARAZIONE PRE-INTERVENTO

Si consiglia di non assumere aspirina o medicamenti che la contengono per due settimane prima dell’intervento e due settimane dopo. L’aspirina può causare sanguinamento e quindi aumentare il rischio di complicanze. Si consiglia di eliminare il fumo per almeno 4 settimane prima dell’intervento. Alcuni studi hanno dimostrato che l’incidenza delle complicanze è 10 volte superiore nei pazienti fumatori che non in quelli che non fumano. Alle pazienti in trattamento con contraccettivi orali si consiglia di interrompere l’assunzione di tali farmaci un mese prima dell’intervento. È indispensabile praticare uno shampoo antisettico la sera prima e la mattina dell’intervento. Il giorno precedente l’intervento deve essere effettuato un accurato bagno di pulizia completo, asportato lo smalto dalle unghie delle mani e dei piedi. Deve essere osservato un digiuno di almeno 8 ore da cibi e bevande.

DECORSO POST-OPERATORIO

I tempi di guarigione sono variabili a seconda dei singoli pazienti. Subito dopo l’intervento compaiono gonfiore e lividi attorno agli occhi di grado variabile. E’ consigliabile, per alcuni giorni, mantenere il capo sollevato (posizione semiseduta). Può essere presente nelle prime 24 ore una modesta lacrimazione che scompare rapidamente. L’edema e le ecchimosi scompaiono gradatamente nel giro di 7-10 giorni. Il gonfiore può persistere ancora qualche settimana, soprattutto sulla punta. La medicazione rigida verrà rimossa dopo 7 giorni ed a quel punto il naso sarà già presentabile anche se non avrà il suo assetto definitivo. La cicatrice residua risulterà quasi invisibile dopo poco tempo. Il paziente sarà in grado di alzarsi dopo un giorno dall’intervento, ma dovrà attendere circa 1 settimana per la ripresa delle normali attività. Dopo 4 settimane potranno essere riprese le attività sportive leggere, mentre quelle più intense dopo 6 settimane. È possibile ritornare alle attività lavorative dopo 3-7 giorni. L’aspetto definitivo del naso potrà cominciarsi a vedere dopo circa due settimane, anche se può dirsi completo dopo circa 1 anno. Il naso operato non deve essere esposto al solo per qualche mese. Il sole potrebbe procurare arrossamenti della cute con una colorazione del naso più intensa rispetto al resto del viso e non scomparire totalmente quando l’abbronzatura sarà andata via, pertanto si consiglia l’uso di una crema solare con blocco totale.

POSSIBILI COMPLICANZE

Le complicanze della rinoplastica sono limitate e generalmente rare. Sono possibili: sanguinamenti, infezioni, alterazioni della sensibilità o altre complicanze specifiche dell’intervento. Le infezioni rispondono comunque prontamente ad un adeguato trattamento antibiotico senza compromettere il risultato finale. Il sanguinamento (epistassi) è sempre di breve durata e non procura problemi di sorta. Un’ alterazione della sensibilità è generalmente transitoria con un recupero spontaneo. L’assetto definitivo del naso operato potrà essere ottenuto dopo 6-12 mesi, quando si sarà avuta una completa eliminazione dell’edema (gonfiore). In questo periodo il paziente noterà la comparsa di piccole irregolarità ed asimmetrie che normalmente tendono a scomparire spontaneamente. Qualora queste persistano, ad evoluzione completata, potranno essere corrette mediante un piccolo intervento con piena soddisfazione.
Nei casi in cui sia stato necessario praticare anche la correzione di una deviazione severa del setto nasale, è possibile che si verifichi una parziale recidiva della deviazione stessa.